“Chi ha spostato il mio formaggio?”

I Notai affrontano il cambiamento

http://www.ilsole24ore.com/art/norme-e-tributi/2015-09-27/i-notai-affrontano-cambiamento-081414.shtml?uuid=AC2e4c5

 Oggi 27.09.2015 una notizia molto interessante:
«I notai devono affrontare la tigre del cambiamento e innovare». Usa toni forti Maurizio D’Errico, presidente del Consiglio nazionale del Notariato, per invitare la categoria che rappresenta a riscattarsi dalle accuse frequenti di formalismo per far valere un ruolo attivo e fondamentale, soprattutto in vista della annunciata ripresa dell’economia italiana e della forte apertura all’estero delle piccole e medie imprese del Bel Paese. Vera Viola – Il Sole 24 Ore – leggi su http://24o.it/2jjp1H
Insomma, la crisi è iniziata da ormai 8 anni, direi che l’importante è arrivare…
 
Consiglio a tutti di leggere questo libro, e indicare nei commenti, con quale personaggio vi sentite più in sintonia.
chi_ha_spostato_il_mio_formaggio
Foto presa da internet.
 
Tutti gli studi che hanno lavorato o lavorano con me, sicuramente l’indicazione di D’Errico l’hanno colta e applicata  da almeno 5 anni, e ora siamo già alla ricerca di un nuovo cambiamento rispetto a quello ormai già consapevolizzato.
 
 🙂 Un breve sunto del libro (leggetelo):

La storia è incentrata sulle avventure di 4 personaggi: i topini Nasofino e Trottolino e gli gnomi Tentenna e Ridolino. I 4 protagonisti, dopo aver trovato quella che sembrerebbe un’inesauribile scorta di formaggio, smettono di impegnarsi nella ricerca di cibo, dando per scontato la disponibilità del formaggio; Questa falsa sicurezza si dimostra estremamente pericolosa: senza che i nostri piccoli amici se ne accorgano, la scorta di formaggio si assottiglia sempre di più, finché un giorno scompare del tutto.

La favola è una splendida parabola di molti dei cambiamenti che ci accadono nella vita: dalla parte economica a quella sociale e personale. Quando questi cambiamenti avvengono, iniziamo ad idealizzare il passato e a farci terrorizzare dal presente e dal futuro.

Come detto, pur nel suo stile semplice, “Chi ha spostato il mio formaggio?” trasmette un messaggio molto potente, che può essere sintetizzato in una frase che Ridolino scrive sul muro del labirinto: “Se non cambi, rischi di scomparire”.

In alcuni studi in cui ho lavorato e parlando con alcuni Notai ho notato che la loro paura del cambiamento nasce dall’ attaccamento alle cose, alle persone e alle situazioni e questo rende diffcile se non impossibile fare quel primo passo.

Clicca qui per acquistare il libro

 
 
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *