Indicatori e Indici dell’andamento economico dello studio notarile

Gli indicatori chiave e il metodo/modello da me sviluppato con MFM Consulting a portato alla creazione del software (Notary Balanced Scorecard), il quale consente di trasformare i dati in informazioni mediante cruscotti interattivi, diagrammi, mappe e scorecard. 

Il software offre potenti strumenti di visualizzazione delle attività, per verificare se il quadro di gestione è operativamente e strategicamente sostenibile.

Gli output prodotti dall’NBSC nascono dall’analisi delle variabili provenienti da dati economici e quindi la creazione e formazione di indicatori donominati KPI.

Gli indicatori possono essere definiti come strumenti atti a misurare e rappresentare la performance dello studio notarile, e lo sforzo dello studio nel raggiungere gli obiettivi prefissati.

Gli indicatori, come prima definito, costituiscono strumenti atti ad orientare le azioni del Notaio e dello studio e quindi devono essere intesi come strumenti di:

  • Misurazione dell’attività svolta

  • Valutazione

  • Programmazione

  • Comunicazione. 

È fondamentale, andare oltre l’interpretazione meramente “tecnicistica”, certamente importante ma sterile se non sostenuta da una visione di carattere organizzativo-gestionale, poiché in assenza di quest’ultima ben difficilmente sarebbe possibile pensare di ottenere risultati positivi sul piano dell’orientamento dei comportamenti verso gli obiettivi di Studio.

Gli indicatori NBSC prodotti e facilmente utilizzabili:     

  • INDICATORI QUANTITATIVO-MONETARI (IQM) OSSIA ESPRESSI IN MONETA
  • INDICATORI DI INPUT, ATTIVITÀ, PROCESSO, OSSIA INDICATORI CHE MISURANO E RAPPRESENTANO LE RISORSE DISPONIBILI DI CUI LO STUDIO SI AVVALE NELLO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITÀ
  • INDICATORI DI OUTPUT, OSSIA INDICATORI CHE ESPRIMONO I RISULTATI DELL’ATTIVITÀ SVOLTA DALLO STUDIO
  • INDICI:
    • Indice di produttività o efficienza, indica la redditività dello studio notarile
    • Costo del personale
    • Numero atti complessivo
    • Fatturato su onorario di repertorio (indice di sostenibilità dello studio), lutile e quando si è in default
    • Numero di collaboratori
    • Numero atti a raccolta
    • Percentuale costi del personale sui ricavi (fatturato)
    • Numero di ore disponibili
    • Giorni lavorati per punto pareggio
    • Incidenza dei costi fissi sul fatturato margine di contribuzione
    • Numerodi pratiche evase
    • Numero pratiche per punto pareggio
    • Indica la “pesantezza” della struttura studio notarile, più è alto e più è pesante
    • Numero di telefonate ricevute
    • Numero atti impostati ma non fatti
    • Incidenza costi variabili sul fatturato
    • Numero di ore dedicate alla pratica
    • Incidenza dei costi sul fatturato
    • Ricavo medio atto a raccolta
    • Costo medio atto a raccolta
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *